SPIE DELLA MACCHINA: SPIEGAZIONE DEI SIMBOLI

Con i sistemi attuali, le auto sono in grado di comunicare con il conducente tramite un linguaggio particolare: le spie. Per sfruttare efficacemente questo servizio, è però estremamente necessario saperne interpretare simboli e colori, abilità che può fare la differenza in situazioni particolari.
Le spie meno allarmanti sono indubbiamente quelle verdi, che infatti indicano semplicemente l’attivazione di una determinata funzione. Queste sono:

Indicatori di direzione: indica che il conducente ha inserito la freccia di svolta a destra o sinistra;

Luci di posizione: le luci di posizione sono attive;

Fendinebbia: indica l’accensione dei fendinebbia anteriori;

Cruise control: il sistema elettrico che regola in automatico la velocità della vettura è funzionante.

Le spie di colore giallo invece, si accendono tutte in automatico all’avvio dell’automobile per un accertamento di routine e, a controllo riuscito, si spengono. Il problema si presenta quando una o più di queste si accende improvvisamente durante la guida per segnalare un pericolo incombente oppure una situazione o un problema a cui è necessario prestare prudenza.
Qui rientrano:

Spia controllo avaria del motore. Ci sono due opzioni:
• la luce a intermittenza indica un difetto di accensione;
• la luce fissa segnala un malfunzionamento del sistema di iniezione.
In entrambi i casi, non bisogna assolutamente forzare il motore, quindi o si porta immediatamente la vettura dal meccanico, o si contatta un’officina che provveda al ritiro.

Preriscaldamento delle candelette (solo per motori diesel): se questa spia si accende, indica un guasto nel sistema, problema non gravissimo ma che necessita dell’intervento del meccanico per la sostituzione delle candelette.

Retronebbia: comunica semplicemente che il conducente ha acceso i fendinebbia posteriori, che però, in assenza di nebbia, possono disturbare altri automobilisti.

Anomalia impianto ABS: segnala che il sistema antibloccaggio è guasto, anche se l’impianto frenante continuerà a funzionare normalmente, purché la spia dei freni sia spenta. È consigliabile recarsi in officina.

Riserva del carburante: indica che il carburante scarseggia, con il rischio elevato di rimanere presto a secco. Il consiglio è ovviamente quello di recarsi al primo distributore in cui ci si imbatte;

Pericolo ghiaccio: questa spia si accende quando la temperatura esterna registrata è inferiore ai 3°C per segnalare la possibilità di strada ghiacciata;

Liquido del tergicristallo: è esaurita l’acqua con il sapone per pulire il parabrezza;

Avaria delle luci esterne: la spia segnala un problema all’impianto di illuminazione esterno, che potrebbe dipendere dalle lampadine o da qualche contatto elettrico.

Avaria del servosterzo: segnala un malfunzionamento del servosterzo, che, se grave, comporta grandi difficoltà alla guida. Se il problema sussiste è consigliabile recarsi immediatamente dal meccanico;

Insufficiente pressione dei pneumatici: si accende per comunicare che la pressione di una o più gomme non è sufficiente. Per evitare di usurare i cerchioni, è consigliabile fermarsi ed effettuare un controllo;

Avaria luci di stop: la spia segnala che i fanali posteriori per la frenata non funzionano opportunamente. È meglio effettuare un controllo alle lampadine e sostituirle il prima possibile, onde evitare multe salate o incidenti;

Pastiglie dei freni usurate: non è una spia presente in ogni vettura, ma quando si accende indica l’approssimarsi all’usura delle pastiglie dei freni. È bene farle sostituire immediatamente;

Intasamento filtro DPF: essendo il DPF il filtro che brucia i gas di scarico nei motori diesel, questa spia comunica una rigenerazione in corso e si consiglia quindi di non fermare il veicolo;

Sensori di parcheggio: questa spia accesa e fissa segnala un’avaria dei sensori di parcheggio e quindi la necessità di prestare attenzione nel fare manovra;

Acqua nel serbatoio: comunica che, dopo il rifornimento, può essere entrata dell’acqua nel serbatoio. Poiché accoppiare il carburante con l’acqua non è consigliabile, è necessario rimuovere il liquido per non danneggiare l’auto;

Sensore di pioggia: il sensore dei tergicristalli automatici è guasto;

Nel caso raro in cui invece fosse accesa la spia blu, è necessario cogliere l’invito a prestare attenzione. In questa tipologia rientra:

Abbaglianti: spia che si illumina nel momento in cui il conducente aziona gli abbaglianti, che possono però disturbare gli altri guidatori;

Proseguendo con le note dolenti, le temute spie rosse comunicano al conducente una situazione problematica che non può essere risolta nell’immediato. Gli esempi più comuni sono:

Mancata ricarica della batteria: l’accensione di questa spia può dipendere da diversi fattori:
• la cinghia usurata impedisce all’alternatore di caricare la batteria ma, siccome può anche causare gravi danni alla testata del motore, è opportuno recarsi subito in officina;
• la batteria è scarica e sarà quindi sufficiente collegare la batteria a quella di un’altra vettura;
• i poli possono essere scollegati, quindi basta pulire gli elettrodi e collegare i cavi ai poli;

Insufficiente pressione dell’olio: questa anomalia potrebbe essere seria e quindi è meglio fermare immediatamente il veicolo per non danneggiare il motore e contattare il soccorso stradale;
Eccessiva temperatura dell’olio motore: questo avviso non va sottovalutato ed è necessario sostituire subito l’olio, che potrebbe essere troppo denso o impuro. La spia può anche segnalare un guasto alla pompa dell’olio, che va cambiata;

Freno a mano inserito: è sufficiente levarlo. Se il problema sussiste, potrebbe esserci un problema all’impianto frenante;

Eccessiva temperatura del liquido di raffreddamento del motore: si può solo arrestare il veicolo e chiamare il soccorso stradale;

Cinture di sicurezza non allacciate: spia abbinata a un segnale acustico che si spegne solo quando le cinture sono allacciate;

Porte aperte: si spegne solo quando tutte le portiere sono chiuse correttamente;

Mancato funzionamento dell’impianto air bag: basta recarsi in un’officina per risolvere l’anomalia;

Avaria cambio automatico: per risolvere il malfunzionamento, recarsi in un’officina;

Avaria generica: indica un’anomalia non specifica ma che suggerisce un controllo in officina;

Avaria sensore crepuscolare: indica che il sensore automatico delle luci esterne è guasto;

Livello di liquido nel radiatore: il livello del liquido è basso o c’è una perdita nel sistema, quindi recarsi in un’officina;

Infine, le spie bianche forniscono informazioni generali, come:

Air bag del passeggero disattivato: è stato disattivato l’air bag del passeggero per permettere di installare un seggiolino nel sedile;

Livello dell’olio: è opportuno eseguire immediatamente un controllo perché, se il livello è eccessivamente basso, può causare gravi danni.

Spie macchina accese?
Prenota un controllo nella nostra officina

Dati personali
I campi con * sono obbligatori